closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Libia, 15 morti in un naufragio. A Tripoli protesta dei rifugiati

Mediterraneo. Nonostante l'Sos di Alarm Phone i libici tardano molte ore a raggiungere la barca in difficoltà. Intanto nella capitale nordafricana i migranti sono accampati da giorni davanti a una sede Unhcr: «Vogliamo essere evacuati»

La motovedetta rientra nel porto di Tripoli

La motovedetta rientra nel porto di Tripoli

15 persone sono morte ad appena 8 miglia dalle coste libiche di Zuwara. Alarm Phone aveva lanciato l’allarme lunedì mattina, ma la sedicente «guardia costiera libica» è arrivata molto dopo. Non è chiaro se la barca in legno si sia ribaltata o se i migranti che viaggiavano sotto coperta siano soffocati per le esalazioni. La motovedetta è rientrata a Tripoli con 15 corpi chiusi nei sacchi di plastica e 177 sopravvissuti di due diverse imbarcazioni. La seconda era partita da Al Khoms. «Abbiamo più volte segnalato la barca in difficoltà. Però le autorità libiche ci hanno messo 10 ore per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.