closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Libera sinfonia per i fratelli Wachowski

Fiction. Con «Sense8» i registi di «Matrix» fanno il loro debutto tv con una serie per Netflix, geniale ibrido di buddismo e sci-fi in una storia che sfida le regole del genere

Come quello di Sofia Coppola, Harmony Korine, Gus Van Sant e Spike Jonze, il lavoro di Andy e Lana Wachowski riflette una profonda affinità elettiva con lo zeitgeist del momento. Specialmente quella dei giovani. Lo hanno dimostrato con grandissimo successo nei Matrix e in modo meno riuscito in Cloud Atlas e Jupiter Ascending. E lo dimostrano in modo affascinante nel loro ultimo lavoro, Sense8, una serie tv di 12 puntate, l’ennesima prova delle altissime ambizioni di Netflix (la serie non a caso sarà fra gli eventi del lancio della piattaforma di video on demand in autunno anche nel nostro paese)...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.