closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lettere

Richiedenti asilo, l’Arci denuncia l’Italia all’Ue

Sulla gestione dei richiedenti asilo giunti in Italia nei mesi scorsi, l’Arci ha inviato un lettera/denuncia alla Commissione Europea, al ministero dell’Interno, alla Commissione nazionale per il diritto d’asilo, all’Unhcr e all’Anci. L’Arci denuncia la violazione di due direttive europee (sul riconoscimento dello status di rifugiato e sull’accoglienza dei richiedenti asilo) e chiesto un intervento urgente per metter fine a questa situazione di ingiustizia.

«Con la presente l’associazione Arci, in qualità di ente di tutela di richiedenti e titolari di protezione internazionale, intende segnalare la grave situazione in cui sono costretti numerosi richiedenti asilo giunti in Italia nei mesi scorsi. L’arrivo e l’accoglienza dei richiedenti asilo e rifugiati continua ad essere gestita in maniera confusa, frammentata ed emergenziale, producendo ingiustizie, gravi violazioni dei diritti dei richiedenti asilo, spreco di risorse pubbliche e conseguenze negative per la convivenza nei territori dei comuni coinvolti. Il numero insufficiente di commissioni per l’esame delle domande, la prolungata accoglienza senza il rilascio di un documento, la mancanza di orientamento e informazione nei confronti dei beneficiari sono tutti fattori che incidono negativamente nei percorsi di tutela e integrazione che dovrebbero esser avviati.

Lo scorso venerdì, 14 febbraio, 30 richiedenti asilo di nazionalità eritrea, beneficiari del progetto Sprar di Castellammare del Golfo – ampliamento del progetto Sprar del comune di Trapani – hanno manifestato davanti la sede del commissariato perché ancora non sanno quando incontreranno la Commissione Territoriale per il riconoscimento dello status di rifugiati competente. Sono tutti arrivati a Lampedusa a metà settembre e ancora non hanno un permesso come richiedenti asilo.

Abbiamo raccolto la denuncia di queste persone attraverso un portavoce. Abbiamo tutti i nominativi ed è stata prontamente mandata una richiesta di chiarimenti e di date certe alla commissione territoriale di Trapani. Con la presente chiediamo di intervenire per impedire ulteriori violazioni dei diritti dei richiedenti asilo e il protrarsi di conflitti sui territori che sono generati dall’assenza di una programmazione adeguata e di un indirizzo politico chiaro e definito».

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.