closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Let it be». Un altro sguardo sugli ultimi giorni dei Beatles

Note sparse. Ancora una riedizione per il più conflittuale album dei Fab Four: quattro dischi in versione deluxe

i Beatles in studio

i Beatles in studio

L’infinita riapertura di un’inchiesta. Così appare la retrospettiva beatlesiana, inesauribile perlustrazione d’archivio che mescola feticismo e nostalgia tra riassemblaggi, cut-up e détournement situazionisti. Let It Be è l’ultimo dei «50th Anniversary»”. Cinquanta più uno, causa covid. Anche la sua prima uscita era slittata di un anno rendendolo un testamento apocrifo: l’addio dei Beatles, sublime, era già stato proclamato con Abbey Road. Ed era già partito il processo interno al tormentato album-film Get Back (poi Let It Be), con i filologi del rock chiamati in causa per la prima volta. Qual era l’originale? Il disco «as nature intended» rattoppato da Glyn...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.