closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Led Zeppelin, volo finale

«il manifesto», 1971-2021/In centocinquantamila per quello che l'11 agosto 1979 al Knebworth Festival fu l’ultimo concerto inglese della band di «Stairway to Heaven»

Aspettiamo i Led Zeppelin. Con la tensione che cresce. Ed ecco: «Ladies and gentlemen, Page, Bonham, Jones, Plant: Led Zeppelin!». Boato di 150 mila all’unisono. Tutti in piedi, scarica di flash, «good evening!» urlato due volte da Plant, Page attacca le prime note di The Song Remains the Same, altro boato, di nuovo tutti in piedi. Il suono è subito durissimo e pulitissimo, splendido. Un’energia nervosa e una vitalità accumulata per anni e scaricata tutta in una sera. La chitarra di Page (bianco e celeste) che non perdona, la voce «eroica» di Plant, Bonham e Jones che danno compressione e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi