closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

L’economia, la cultura e la natura

Verità nascoste. La distinzione tra Cultura e Natura è tornata in auge. Per dirci che dobbiamo riconsiderarla da capo. A partire dalla distinzione tra bisogno e desiderio e tra le due diverse relazioni con la natura a cui essi corrispondono.

Luigi Maria Sica: «In questo strambo 2020 spesso si distingue tra Natura (il salto di specie dal pipistrello, forse, all’homo sapiens) e Cultura, quindi risposte sanitarie e politiche. Perché, con un pizzico (o qualcosa in più) di antropocentrismo, si considera l’Economia un costrutto sociale, in opposizione alla natura. Questa impostazione (ma noi animali umani siamo innaturali?) sussume, uno per tutti, la capacità di elaborare simboli: da riconoscere la nostra immagine allo specchio, gesto quotidiano, fino alla produzione di moneta, artefatto per mediare lo scambio, superato il baratto. Lo stesso concetto di mercato è una astrazione e i mercati finanziari, poi,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi