closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Le virtù collettive della «sprezzatura»

Rinascimento. Amedeo Quondam restituisce al lettore «Il Cortegiano» di Baldassarre Castiglione sotto forma di un’opera monumentale in cui viene documentato il percorso editoriale che ha accompagnato il testo. E rintraccia il processo dinamico scaturito da complicità, omissioni, errori, divergenze tra autore, copisti e tipografi

Baldassarre Castiglione da un dipinto di Raffaello

Baldassarre Castiglione da un dipinto di Raffaello

Nel leggerlo, Francesco I di Valois-Angoulême, re di Francia, ne fu folgorato, e subito lo fece tradurre in francese: quel libro italiano, un distillato della cultura rinascimentale, lo aveva conquistato. Vi si insegnava una diversa idea di distinzione, basata sulle nuove virtù cortigiane e cioè non solo più arte militare e caccia ma classici latini e greci, ballo, nozioni di matematica e, soprattutto, arte della conversazione. Essa però doveva tradursi in una grazia naturale, apparentemente senza sforzo, segreto della piacevolezza del vivere, riassunta in un termine che avrebbe fatto epoca: la sprezzatura. Francesco I aveva visto giusto: il successo del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.