closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Le sperimentazioni verdiane su «I masnadieri»

A teatro. In scena fino al 7 luglio una delle opere più discusse del grande compositore. Regia di David McVicar con Michele Mariotti

Una scena da I masnadieri

Una scena da I masnadieri

I luoghi comuni, si sa, sono duri a morire. Su I masnadieri (1847) di Giuseppe Verdi, in scena fino al 7 luglio alla Scala, pesa da decenni il giudizio perentorio di Massimo Mila, che la definì «una delle sei opere brutte di Verdi», il che spiega solo in parte l’ostracismo riservato a questo titolo dal teatro meneghino. Se è vero infatti che l’unico allestimento novecentesco risale al 1978, con la direzione di un giovanissimo Riccardo Chailly, occorre anche ricordare che nell’Ottocento, con le sole esecuzioni del 1853 e del 1862, non andò meglio. Quest’opera patisce da sempre la sua diversità...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.