closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Le scuole superiori riaprono lunedì 11 gennaio

Salta il banco. Nel caos politico di un governo indeciso e spaccato lo ha deciso un consiglio dei ministri a notte fonda. Le scuole dell'infanzia, delle elementari e delle medie iniziano giovedì 7. Nove regioni riaprono le superiori in ordine sparso e a metà, anche a fine gennaio. Fabio Ciciliano (Cts): "Il problema non è riaprire le scuole ma cercare di tenerle aperte. Richiuderle tra 2 settimane sarebbe la testimonianza che i numeri riaumentano". Sul sito de Il manifesto continua la protesta dei docenti dei licei romani contro la gestione del rientro. Giovedì «Priorità alla scuola» torna manifestare davanti agli istituti.

Insegnanti di Priorità alla scuola ieri in piazza a Firenze

Insegnanti di Priorità alla scuola ieri in piazza a Firenze

A notte fonda dal bussolotto della pre-crisi in cui il governo agonizza è uscito un nuovo numero sulla scuola superiore: riaprirà in presenza al 50% lunedì 11, e non giovedì 7 come precedentemente stabilito. Qualcuno avrà pensato che due giorni di lezioni, e poi la chiusura il sabato con il ritorno delle zone arancioni "rafforzate" (ma non rosse) a fisamornica non era una buona idea. L'idea era stata stabilita dal governo, nonostante le obiezioni del comitato tecnico-scientifico, nel Dpcm del 23 dicembre. Allora il 7 gennaio era troppo lontano. A 48 ore dalla riapertura la scadenza è sembrata troppo ravvicinata....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi