closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Le Regioni si acquietano con il “salva-bilanci”

Il decreto. Ben 20 miliardi di debiti vengono diluiti in 30 anni, così da renderli più sostenibili. Ma se Chiamparino si è riappacificato con l'esecutivo, i governatori del centrodestra restano critici. Minoranza Pd: "I tagli alla sanità ci sono: basta leggere la manovra"

I governatori Toti, Chiamparino e Pittella a una Conferenza delle Regioni

I governatori Toti, Chiamparino e Pittella a una Conferenza delle Regioni

Dopo la bufera sulla legge di Stabilità e la tregua siglata con le Regioni - che per il momento hanno sospeso il giudizio sulla manovra - ieri il consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge salva-bilanci, o «salva-Regioni», come alcuni lo hanno ribattezzato. Messo a punto dal ministero dell’Economia non concede fondi aggiuntivi ai governatori ma consente loro di spalmare in 30 anni l’ammortamento dei debiti contratti dalle amministrazioni. Il provvedimento - ha spiegato il sottosegretario alla presidenza del consiglio Claudio De Vincenti - «consente di chiarire la contabilità delle Regioni, un tema sollevato dalla Corte dei Conti, in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi