closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Le Regioni si acquietano con il “salva-bilanci”

Il decreto. Ben 20 miliardi di debiti vengono diluiti in 30 anni, così da renderli più sostenibili. Ma se Chiamparino si è riappacificato con l'esecutivo, i governatori del centrodestra restano critici. Minoranza Pd: "I tagli alla sanità ci sono: basta leggere la manovra"

I governatori Toti, Chiamparino e Pittella a una Conferenza delle Regioni

I governatori Toti, Chiamparino e Pittella a una Conferenza delle Regioni

Dopo la bufera sulla legge di Stabilità e la tregua siglata con le Regioni - che per il momento hanno sospeso il giudizio sulla manovra - ieri il consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge salva-bilanci, o «salva-Regioni», come alcuni lo hanno ribattezzato. Messo a punto dal ministero dell’Economia non concede fondi aggiuntivi ai governatori ma consente loro di spalmare in 30 anni l’ammortamento dei debiti contratti dalle amministrazioni. Il provvedimento - ha spiegato il sottosegretario alla presidenza del consiglio Claudio De Vincenti - «consente di chiarire la contabilità delle Regioni, un tema sollevato dalla Corte dei Conti, in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.