closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Le mille e una «storietta» nell’imbuto del sangue

SCAFFALI. «Del terrorismo come una delle belle arti» di Mario Perniola per Mimesis. Gli anni Settanta e le «formazioni combattenti» attraversio il grimaldello della filosofia

Blu

Blu

Autobiografia politica e intellettuale di una generazione tra Roma e il Giappone, con puntate in Francia tra un convegno sul surrealismo a Cérisy-La-Salle e i luoghi dove Guy Debord e i situazionisti nutrirono l’ultimo legame tra le avanguardie artistiche e la rivoluzione. Affabulanti, dolenti, amanti, tremende: sono le otto «storiette» contenute in Del terrorismo come una delle belle arti di Mario Perniola (Mimesis, pp. 211, euro 16) che intrecciano i ritratti familiari, gli amori di una vita e le traiettorie rivoluzionarie della generazione 68, facendo anche la scelta della lotta armata. La «storietta», scrive con ironia uno dei perturbanti filosofi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.