closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Le mani di Damasco e Teheran sull’Iraq

Iraq. La Casa Bianca preoccupata per l'intervento militare di Siria e Iran. Maliki balla da solo e si prepara al primo incontro del nuovo parlamento

Soldati dell'esercito iracheno

Soldati dell'esercito iracheno

Rasha ha 28 anni, un bambino di tre anni tra le braccia e un altro in arrivo. Mercoledì ha camminato con il marito per chilometri verso il primo checkpoint utile per il Kurdistan. Il suo villaggio, Hamdaniya, ultimo target dei miliziani islamisti, è oggi una comunità fantasma: migliaia i civili in fuga verso Irbil, terrorizzati dalle conseguenze dell’occupazione del gruppo estremista sunnita. Rasha spera di trovare un luogo dove rifugiarsi, altrimenti, sospira,«dormiremo in strada». Nelle stesse ore, quello che resta dell’esercito governativo – a cui si sono uniti nelle ultime due settimane due milioni di volontari sciiti – combatteva a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.