closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Le fake news provocano una crisi vera tra Qatar e Arabia saudita

Golfo. Riyadh e i suoi alleati isolano Doha per le presunte dichiarazioni "offensive" fatte dall'emiro Tamim che le autorità qatariote smentiscono e descrivono come frutto di attacchi di hacker. L'obiettivo è quello di punire il Qatar sponsor dei Fratelli musulmani

Re Salman dell’Arabia saudita (a sinistra) con l’emiro del Qatar Tamim

Re Salman dell’Arabia saudita (a sinistra) con l’emiro del Qatar Tamim

Il discorso, di fatto una dichiarazione di guerra all'Iran, pronunciato da Donald Trump davanti a decine di capi di stato e di governo sunniti riuniti una settimana fa a Riyadh, era stato letto come il primo atto di una rinnovata politica di scontro con Tehran guidata dagli Usa e dall'Arabia saudita. Invece, partito Trump, i petromonarchi del Golfo hanno cominciato a lanciarsi gli stracci, in quello che appare come un regolamento di conti volto ad isolare il Qatar, un emirato piccolo ma ricco e molto influente, grazie ai suoi miliardi di dollari, nonché stretto alleato della Turchia di Erdogan. Da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.