closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Le costole del rock, l’incredibile storia dei dischi a raggi x

Urss/Oggetti da collezione, costano tra i 60 e i 200 euro. Le radiografie venivano utilizzate per copiarci sopra classici del jazz e del rock. Proibite dal partito, furono la delizia degli stilyagi, i ribelli sovietici

Un esempio di album inciso su radiografia

Un esempio di album inciso su radiografia

Altro che strumento diagnostico e macabro riflesso di ossa, le radiografie suonano, fanno rock, si trasformano in dischi. Se non ci fossero state loro, pochi in Unione Sovietica saprebbero di Louis Armstrong, Duke Ellington, Glenn Miller, Bill Haley o Elvis Presley. Tutto comincia negli anni Cinquanta. Da una parte il partito e gli integrati, dall'altra gli apocalittici, gli stilyagi (da stil), gli stilosi. La parola apparve per la prima volta in un articolo satirico di un quotidiano dell'apparato, era denigratoria e si rivolgeva a quei ragazzi che in origine ascoltavano - di nascosto - perlopiù vecchi dischi di jazz Usa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.