closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Le correzioni parlanti nell’officina di Ariosto

Ludovico Ariosto. Il commento all’«editio princeps» del «Furioso» (1516), curatori Tina Matarrese e Marco Praloran per Einaudi, è il coronamento di una fruttuosa stagione di studi

«La battaglia  di Roncisvalle»,  c. 1475-1500, arazzo in lana e seta, © Victoria & Albert Museum

«La battaglia di Roncisvalle», c. 1475-1500, arazzo in lana e seta, © Victoria & Albert Museum

Scriveva Galileo Galilei – in alcune sue pagine celeberrime dedicate ad Ariosto e Tasso, cioè ai due fuoriclasse del poema epico-cavalleresco rinascimentale – che il poeta della Gerusalemme liberata «empie le stanze di parole», mentre l’autore dell’Orlando furioso offre al suo pubblico una narrazione fatta tutta «di cose», l’esito di uno stile più equilibrato e meno «artificioso», di una più avvertibile misura. Quella che potremmo definire l’attenuazione classica di Ariosto è – lo sappiamo – uno dei più notevoli risultati della progressiva affermazione del diktat linguistico di Pietro Bembo, di una lingua che ha in Petrarca il suo padre forte,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi