closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Lavoro pubblico, di “garantito” è rimasto ben poco

Le storie. Cherubina, Davide e Sara: dietro il welfare ci sono loro. Sempre più sfruttati. Al ministero: «46 contratti? Io sono il 47simo: tirocinante a vita». L’educatrice: «Faccio 33 ore e prendo 250 euro meno della collega che ne fa 18»

La protesta dei lavoratori del pubblico impiego

La protesta dei lavoratori del pubblico impiego

Il «grasso che cola». I «garantiti che nella crisi non sono stati licenziati». Per il premier Matteo Renzi e per il suo ministro Marianna Madia i dipendenti pubblici sono questi. Ma fra loro ci sono anche Cherubina, Davide e Sara. E quelle definizioni diventano beffarde, se non insultanti. Ognuno rappresenta un settore – insegnamento, giustizia, sanità – dei servizi pubblici e ognuno di loro è precario, licenziato o licenziabile. Non sono nemmeno “casi limite” perché ognuno di loro ci tiene a dire che «ho conosciuto altri dipendenti pubblici che stanno peggio di me». Nella Bologna (una volta) culla del welfare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.