closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

L’autonomia sospetta del Coni, uno stato nello stato

Sport. Il 13 maggio si vota per la presidenza dell'ente pubblico. A sfidare Giovanni Malagò per la prima volta una donna: Antonella Bellutti

Il prossimo 13 maggio si rinnova la presidenza del Coni e, come per tutto ciò che riguarda il mondo dello sport, la scelta dei media e in primis della Rai di privilegiare il calcio e i grandi eventi, tacendo ricadute e interessi lontani dallo sport ma ricchi di ramificazioni sul piano sociale, politico e culturale non ci permette di capire la posta in gioco; posta non da poco poiché si tratta del funzionamento del Coni - ente pubblico – e dello svolgimento del suo compito istituzionale: lo sport come servizio pubblico per tutti. Un esempio recente di quanto fuorviante possa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi