closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’arte del disprezzo e il parlare con le budella

Habemus Corpus. Gli insulti di Giovanni Gozzini a Giorgia Meloni sono parte di un malcostume diffuso

Venerdì scorso, durante la trasmissione Bene bene male male su Controradio, tre intellettuali commentavano il discorso di Mario Draghi alle camere e la dichiarazione di voto di Giorgia Meloni che, impavida, aveva esordito citando un aforisma di Bertolt Brecht che dice: «Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati». Giovanni Gozzini, professore ordinario di scienze sociali, politiche e cognitive dell’università di Siena, è sbottato con un: «È una pesciaiola». Raffaele Palumbo, conduttore della trasmissione, ha puntualizzato: «Eh no, onore agli ortolani e ai pesciaioli». Gozzini ha risposto: «Ma che devo dire per stigmatizzare il livello...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi