closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’anima di Riccia, villaggio di cantastorie

Note sparse. Il gruppo folk Giuseppe Moffa è il protagonista di «Pu sone e pu ballà», 100 anni di canzoni popolari

Dettaglio di copertina di «Pu sone e pu ballà»

Dettaglio di copertina di «Pu sone e pu ballà»

«A Ricce è bbelle assaie/ e ch z’a scòrde maie…/Ché c’enna fa i paise/de tutte ‘stu Mulise?» Chiunque sia nato in un piccolo territorio centromeridionale, negli anni 50-60, ha conoscenza di bande musicali paesane e gruppi di folklore popolare, spesso dediti a repertori locali tradizionali. Riccia è una microcomunità, poco più di 5000 anime, circondata da splendidi boschi, in provincia di Campobasso, area preferita di un festoso universo di voci e canzoni, dialetto e poesia, un villaggio di cantastorie, uno di quei centri che vivono di musica, come Castelfidardo per la fisarmonica e Viggiano per l’arpa. A Ricce è bbelle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi