closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’alfiere visionario dell’America controcorrente

Nobel letteratura. Bob Dylan si è aggiudicato il riconoscimento dell'Accademia svedese, per aver «creato una nuova espressione poetica nell’ambito della grande canzone americana»

Bob Dylan, 1966

Bob Dylan, 1966

Racconta Marianne Faithfull, all’epoca fidanzata di Mick Jagger, che nel 1965 Bob Dylan, allora la stella più scintillante del firmamento pop, gelò con poche e feroci parole i glimmer twins, Jagger e Richards: «La differenza tra me e voi è che io avrei potuto scrivere Satisfaction. Voi non avreste mai potuto scrivere Desolation Row». Non poteva certo immaginare, allora, che cinquantuno anni più tardi sarebbe stato premiato con il Nobel per la letteratura, lasciando a bocca aperta la platea al momento dell’annuncio, scandalizzando qualche purista nonostante a partire dal 1996 fosse stato candidato più volte e almeno in un’occasione, proprio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi