closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La «transizione» di Matteo dal Pd a FI. «Sui diritti le prove generali per il Colle»

La transizione. Il leader di Iv in Arabia al momento del voto. Le alleanze con le destre, da Torino alla Sicilia, il feeling con Salvini sui diritti civili

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Non avrà il coraggio di definirlo un altro «capolavoro politico» come aveva detto, con la consueta spocchia, dopo la caduta del governo Conte 2. Eppure anche stavolta, sul dl Zan, Matteo Renzi è riuscito a fregare l’odiato Enrico Letta. Nel Pd tutti avevano osservato le sue mosse, dalla primavera in poi, di avvicinamento al centrodestra: sia sulle alleanze locali, sia sulla legge anti-omofobia. E del resto, dopo aver scritto la legge alla Camera con Lucia Annibali e averla convintamente votata, per quale ragione Italia Viva avrebbe dovuto inventarsi mille dubbi e distinguo al Senato? Nessuna ragione di merito. Solo che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.