closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

La tempesta perfetta della logistica

Storie. Una flotta di navi container con 14 miliardi di merci nelle stive è alla deriva. Non può attraccare in nessun porto, perché rischia il sequestro. Gli equipaggi vivono alla giornata e devono sudare sette camicie per trovare qualcuno che venda loro cibo. Il fallimento della Hanjin, una delle più grandi compagnie marittime di trasporto, getta luce su come stanno cambiando le rotte della globalizzazione

Una nave container della Hanjin

Una nave container della Hanjin

Gli analisti lo aspettavano da tempo e finalmente è arrivato, il perfect storm. A guardarlo un po’ da vicino è uno spettacolo sconvolgente ma affascinante, perché con un colpo d’occhio ti permette di vedere l’essenza della logistica, la sua vera natura, capisci perché la chiamano the physical Internet, ti rendi conto di cos’è la globalizzazione. È accaduto nello shipping specializzato nel traffico container: la settima compagnia marittima mondiale, la coreana Hanjin, ha fatto bancarotta. Gravata da 4,5 mld di dollari di debiti non è riuscita a convincere le banche a tenerla in piedi ancora. In realtà non ha convinto il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi