closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La storia per legge

Giorno del ricordo. Dieci anni fa l’«istituzione» delle celebrazioni, all'insegna delle "larghe intese"

Bambini yugoslavi nel campo di concentramento di Arbe

Bambini yugoslavi nel campo di concentramento di Arbe

Se per la «seconda repubblica» quella delle larghe intese rappresenta una formula di governo recente la memoria condivisa, costruita da voti parlamentari bipartisan e benedetta dal Quirinale, si è configurata negli anni come paradigma consolidato. Tutte le date della memoria sono state stabilite a larga condivisione, evidenziando come i partiti nati dal nuovo conio degli anni ’91-’94 abbiano sostituito con un loro calendario la narrazione della «prima repubblica», incentrata sulla retorica celebrativa della Resistenza, configurando uno spazio pubblico e un quadro politico totalmente de-storicizzato come evidenziano le risse segnate da confuse sovrapposizioni che alternano «boia chi molla» a «squadristi», «nuova...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi