closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La “storia” di Abu Mazen, frasi antisemite di un presidente finito

Israele/Palestina. Le considerazioni del leader dell'Anp sugli ebrei come causa, per le loro attività bancarie e finanziarie, dell'Olocausto hanno scatenato reazioni globali. Il premier israeliano Netanyahu non aspettava altro per demolire la sua immagine e quella dei palestinesi

Abu Mazen

Abu Mazen

Abu Mazen non è un antisemita. La sua storia politica e personale – nel 2014 ‎condannò l'Olocausto come il crimine più odioso in risposta a chi gli ‎contestava le tesi contenute del suo controverso dottorato su Israele – dice non è ‎contro gli ebrei e neppure contro lo Stato di Israele con il quale, invano, ha cercato ‎di raggiungere un accordo per 25 anni. Piuttosto il presidente palestinese è uno ‎‎"stolto", e abbiamo scelto un termine soft al posto di altri più appropriati. Uno ‎stolto per ciò che ha detto sulle ragioni dietro l'Olocausto nel suo discorso a ‎Ramallah davanti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi