closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La speranza di Bauman in un altro mondo

Saggi. «Socialismo utopia attiva», un saggio del sociologo polacco scritto nel 1976 e finalmente tradotto da Castelvecchi

Erwin Wurm, installazione del 2007

Erwin Wurm, installazione del 2007

Ciò che innanzi tutto stupisce il lettore un po’ informato sulla vita di Zygmunt Bauman, nel leggere questo Socialismo utopia attiva, tradotto ora per la prima volta in Italia (Castelvecchi, pp.181, euro 17.50 ), è l’intatta passione ideale che l’ispira. L’autore, ebreo polacco, scrisse questo testo nel 1976, quando ormai viveva da 5 anni nel Regno Unito, dopo aver perso la cattedra all’Università di Varsavia. Di formazione marxista e politicamente attivo sin dalla giovinezza, egli aveva sperimentato sulla propria vita le durezze del regime comunista polacco. E tuttavia, nulla della propria scomoda vicenda biografica – come accade solo ai grandi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi