closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

La scuola resta un ostaggio nel Far West delle regioni

Il caso. Ancora divisioni alla cabina di regia sulle misure anti-Covid a Palazzo Chigi. Il nodo maggiore è quello sulla scuola. Continuano le proteste dei movimenti "Priorità alla scuola" e "Fuori dagli schermi": "Basta considerare la scuola come un caproespiatorio". Una sentenza della Corte Costituzionale del 24 febbraio potrebbe rimettere in ordine il caos che ha fatto a pezzi il sistema dell'istruzione nell'anno della pandemia

A scuola al tempo del Covid

A scuola al tempo del Covid

Prima a chiudere, ultima a riaprire, la scuola resta nel caos che ha fatto a pezzi il diritto allo studio e ha imposto un’autonomia differenziata nell’istruzione nel primo anno della pandemia del Covid. Mentre il governo Draghi si appresta a varare un «Dpcm» che chiude tutte le classi nelle zone rosse dal 6 marzo per un mese (oggi la cabina di regia si incontra di nuovo), nel Far West delle regioni si prendono decisioni indipendentemente dai colori dell’epidemia. Bianco, giallo, arancione («rafforzato» a Bologna) o rosso (per ora Basilicata, Abruzzo e Alto Adige), poco conta. Tra decreti del Ministero della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi