closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

La scrittura visuale al femminile

Il libro. «Une histoire mondiale des femmes» a cura di Luce Lebart e Marie Robert

Carrie Mae Weems, Sans titre, 1990 (Courtesy the artist & Jack Shainman Gallery)

Carrie Mae Weems, Sans titre, 1990 (Courtesy the artist & Jack Shainman Gallery)

Due meravigliose «bad girls» pronte a rivendicare - sia davanti che dietro l’obiettivo - il loro ruolo nella società: la performer indiana Pushpamala N. con l’acconciatura cotonata e l’abito anni Sessanta (Rêves d’or #10, 1998) punta la pistola verso l’osservatore nella foto di copertina di Une histoire mondiale des femmes di Luce Lebart e Marie Robert (Éditions Textuel, Paris 2020). Nell’ultima pagina, invece, l’iraniana Newsha Tavakolian ricorre al tableau vivant in Portrait de Negin à Téhéran (2010), ritraendo la giovane protagonista con il velo nero e i guanti rossi da boxe nello scenario (solo momentaneamente deserto) di una strada a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi