closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La «rivoluzione» politica del papato datata Anno Mille

Percorsi. I saggi di Gert Melville e Nicolangelo D’Acunto indagano le trasformazioni nei confronti del potere imperiale. La lotta per la libertas (termine che si traduce come una via di mezzo fra indipendenza e privilegio, ben lontano dunque dall’astrattezza della «libertà» odierna) della Chiesa portò con sé sollevamenti delle masse istigate da monaci riformisti contro i vescovi legati al partito imperiale; fu un momento che segnò soprattutto la storia delle città italiane centro-settentrionali

L’imperatore Enrico IV e papa Gregorio VII

L’imperatore Enrico IV e papa Gregorio VII

È vero che il «mito» dell’Anno Mille è stato smontato da tempo, tuttavia la svolta del millennio ha costituito un momento fondante per la storia d’Europa: non certo per il superamento di presunte paure millenaristiche, quanto per la rivoluzione messa in atto dal papato nel corso dell’XI secolo. Nella concezione comune, «papato» e «rivoluzione» sono immagini che non vanno d’accordo, ma si tratta di stereotipi legati alle concezioni che abbiamo non tanto della storia della Chiesa, quanto piuttosto del concetto di «rivoluzione». Se lo prendiamo per ciò che davvero significa, allora non c’è dubbio che nel corso di una manciata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.