closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La ricerca Usa: Pfizer e Moderna proteggono al 90% dal virus e non solo dai sintomi

Vaccini. È la conclusione di uno studio del Centers for Disease Control and Prevention su 4 mila operatori sanitari vaccinati. Una scoperta che potrebbe avere conseguenze importanti sulle misure anti-pandemia, sui passaporti vaccinali e sulla diffusione delle varianti. Rimane il nodo della durata dell’immunità

Scatola refrigerata contenente vaccino in arrivo al NYU-Langone Hospital

Scatola refrigerata contenente vaccino in arrivo al NYU-Langone Hospital

La possibilità di raggiungere l’immunità di gregge attraverso le vaccinazioni anti-Covid19 dipende in gran parte dalla capacità dei vaccini di bloccare il virus e non solo i sintomi. Se infatti i vaccini non impedissero l’infezione asintomatica del coronavirus, esso continuerebbe a circolare anche in una popolazione interamente vaccinata e raggiungerebbe anche gli individui non immunizzati. Ma dallo studio appena diffuso dal Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) statunitense arriva una buona notizia: i vaccini a Rna contro il Covid-19, come Pfizer e Moderna, impediscono che il virus infetti gli individui vaccinati con un’efficacia del 90%. La ricerca, pubblicata sul...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi