closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La resistenza sonora della natura

Ritratti. Addio a Pinuccio Sciola, l'artista che costruiva giardini musicali con le pietre sarde. Cresciuto alla scuola dei muralisti messicani, ha trasformato il suo paese, San Sperate, in un museo a cielo aperto

Pinuccio Sciola con un suo sasso sonoro

Pinuccio Sciola con un suo sasso sonoro

Sono gocce rosso-sangue, bollenti e brillanti, l’anima di questi macigni che hanno costruito la storia del mondo e della Sardegna prima degli Dei». Così aveva confidato a un amico giornalista Pinuccio Sciola una calda notte di maggio del 1974. Con la fiamma ossidrica, nel suo giardino di aranci di San Sperate, lo scultore che s’è spento ieri all’età di 74 anni per un’emorragia cerebrale era riuscito a fondere il basalto. Così era Sciola, artista di origini contadine che ai miti e agli archetipi di una terra antica era legato indissolubilmente. Quel giardino di aranci è poi diventato nel tempo il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi