closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La resistenza dell’arte nell’Odéon occupato

Scene in rivolta. Dal teatro parigino, simbolo del ’68, è iniziato un movimento di protesta esteso a tutta la Francia. Un’azione pacifica per creare solidarietà tra i lavoratori di ogni settore

L’occupazione dell’Odéon di Parigi,  foto di Kamila Mamadnazarbekova

L’occupazione dell’Odéon di Parigi, foto di Kamila Mamadnazarbekova

È già passata una settimana dal 4 marzo scorso, quando un comitato di lavoratori dello spettacolo ha occupato il Théâtre de l'Odéon di Parigi, sotto l'egida dei sindacati del settore, la Cgt – Spectacle e il Syndacat des cirques et des compagnes de création, ma anche della Société des réalisateurs de films e di altre federazioni del turismo e della ristorazione. Il movimento si è poi esteso ad altri luoghi d'arte, che studenti e operai hanno occupato per protestare contro l'azione del governo. Cinquantatre anni sono invece passati da quando l'Odéon, che si trova a poche centinaia di metri dalla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi