closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La realtà supera la finzione, «sorvegliato speciale» post scriptum

Torino. Chieste misure cautelari per un militante anarchico. Imputato per un libro del 2015

Questa è una di quelle volte in cui letteralmente la realtà supera l'immaginazione. In cui si disarciona il «patto narrativo» che fonda tutta la comunicazione letteraria e un pezzo di romanzo viene considerato un'aggravante per imporre una sorveglianza speciale della durata di due anni per supposta «pericolosità sociale». Succede a Marco Boba, militante anarchico torinese, una lunga storia nei movimenti, autore di Io non sono come voi, romanzo uscito nel 2015 per Eris Edizioni. Ed è proprio la frase riportata nel retro copertina del libro a essere finita nella richiesta di misure preventive mossa dalla Procura di Torino. «Troviamo davvero...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi