closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

La precarietà porta più lavoro? Falso: lo dicono i dati (e la realtà)

Analisi. Cosa c’è dietro la surreale crociata contro l’articolo 18. Renzi crede nella tesi sulla «precarietà espansiva». L’Isfol, l’Ocse e molti economisti hanno dimostrato che l’Italia è più «flessibile» della Germania

La tesi di fondo che spinge Matteo Renzi a giustificare la surreale crociata contro l’articolo 18 è che maggiore flessibilità nell’offerta di lavoro porterà più occupazione in Italia. La tesi è stata smentita sin dal 2004 dai rapporti Ocse sull’occupazione e ha trovato una serie di conferme nell’elaborazione dei dati forniti dall’Isfol, oltre che nei lavori di economisti come, tra gli altri, Emiliano Brancaccio o Riccardo Realfonzo. Il problema è anche un altro: una maggiore precarizzazione del mercato del lavoro (e quello italiano lo è alla massima potenza) produce occupazioni (Jobs) «mordi e fuggi», di bassa qualità,di breve e brevissima...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.