closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La pigrizia dei sorvegliati

SCAFFALE. I nostri dati sono «frammenti di libertà» che disperdiamo in modo disattento

Che sia stato un magistrato della pubblica accusa la prima vittima del «trojan libero» - la possibilità di utilizzare largamente il virus informatico che trasforma i telefoni in microspie - è un curioso scherzo del destino. L'Associazione nazionale magistrati, di cui Luca Palamara - il pm intercettato e indagato per corruzione - è stato presidente, aveva infatti criticato le regole più stringenti sull’utilizzo dei virus informatici previste dalla riforma Orlando nel 2017. Grazie alla collaborazione del gestore telefonico, Palamara ha inconsapevolmente installato sul suo telefono un software che ha trasformato lo smartphone in un potente microfono ambulante, consentendo così l'ascolto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.