closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La «Netflix della cultura» nel paese dei balocchi

Tutti a casa. In Europa cominciano a riaprire teatri, cinema, musei. In Italia tutto tace sui luoghi dello spettacolo

Ieri il ministro Dario Franceschini ha annunciato, trionfalmente, davanti al Parlamento europeo, la sua piattaforma digitale pensata per offrire online il prodotto culturale nel resto del mondo: danza, concerti, prosa, lirica. «L’Europa intera è il più grande produttore di contenuti culturali. In un contesto sempre più digitale, accelerato dalla pandemia, è venuto il momento di costruire una piattaforma comunitaria che offra la cultura europea online. Noi l’abbiamo fatto in Italia, finanziando con 10 milioni di euro una piattaforma pubblica che partirà nei prossimi mesi che offrirà tutta la cultura italiana online: prosa, teatro, danza, musica, concerti. Ma è evidente che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi