closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La Nato ritorna alla carica in Libia, mentre Renzi prepara la sua «linea»

Libia. Il premier spera che alla conferenza di domenica 13 nella capitale possa avviarsi un tavolo di trattativa simile a quello di Vienna sulla crisi siriana

Siamo alla vigilia della conferenza di Roma di domenica 13 dicembre sulla Libia. Se il premier Matteo Renzi sta puntando tutto su questo incontro per giustificare il suo inattivismo in Medio oriente, poche sono le speranze che i due parlamenti di Tripoli e Tobruk arrivino ad un’intesa per la formazione di un governo di unità nazionale. E se sulla Siria il lavoro di Staffan De Mistura, come inviato Onu, sta assumendo sempre di più un ruolo chiave per i complicati equilibri interni, in Libia si fatica a trovare anche soltanto un interlocutore valido che gestisca questa fase caotica che spacca...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.