closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La moltiplicazione dei pani e dei Pooh

Sanremo 68. Lo si guarda per poterne parlar male, spettegolare e criticare. Se non fosse così, dovremmo credere che buona parte degli oltre dieci milioni di italiani che assistono al festival o non hanno di meglio da fare, o sono masochisti, e non so cosa è peggio

Roby Facchinetti e Riccardo Fogli

Roby Facchinetti e Riccardo Fogli

In fondo, lo si guarda per poterne parlar male, spettegolare e criticare. Se non fosse così, dovremmo credere che buona parte degli oltre dieci milioni di italiani che assistono al Festival di Sanremo o non hanno di meglio da fare, o sono masochisti, e non so cosa è peggio. Lo scatenamento dei commenti sui social network e l’audience stellare confermano che Sanremo vale tanto quanto una partita dell’Italia ai mondiali di calcio che viene guardata, per amor di patria e di condivisione, anche da chi non sa distinguere un fuori gioco da una rimessa laterale. Detto ciò, è tale la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi