closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

La memoria iconografica della Commedia di Dante

Studi danteschi. Nel Medioevo l’immagine artistica è un mezzo per trasmettere la verità: Laura Pasquini ha indagato la cultura figurativa del poema in «Pigliare occhi, per aver la mente», Carocci editore

Ravenna, Sant’Apollinare in Classe, mosaico  del catino absidale, particolare della croce gemmata, VI secolo

Ravenna, Sant’Apollinare in Classe, mosaico del catino absidale, particolare della croce gemmata, VI secolo

Tra le innumerevoli pubblicazioni dantesche che da mesi affollano gli scaffali delle librerie, l’elegante volume di Laura Pasquini «Pigliare occhi, per aver la mente» Dante, la Commedia e le arti figurative (Carocci editore «Saggi», pp. 285, € 24,00) occupa una posizione speciale. È raro infatti che la critica si interessi ai legami tra l’opera maggiore del poeta e la cultura artistica coeva, e non senza ragione: le fonti figurative si prestano assai meno di quelle letterarie all’esame di coincidenze rilevanti, che permettano di ipotizzare con qualche verosimiglianza un rapporto di filiazione. Pasquini si muove dunque, con piena consapevolezza, in un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi