closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

La memoria collettiva trasforma le coscienze

«Archivi impossibili» da Johan & Levi . Dall’Atlante di Richter al Museo di Broodthaers allo schedario di Haacke. Cristina Baldacci ha studiato in chiave foucaultiana il crescente interesse per la forma-archivio da parte degli artisti contemporanei

Marcel Broodthaers, «La Salle Blanche», 1975, legno, fotografie, lampadina, iscrizioni dipinte, corda, Estate Marcel Broodthaers

Marcel Broodthaers, «La Salle Blanche», 1975, legno, fotografie, lampadina, iscrizioni dipinte, corda, Estate Marcel Broodthaers

Una delle più interessanti scoperte scientifiche del Novecento la dobbiamo alla ricerca fenomenologica portata avanti in Germania da Edmund Husserl. Già sul finire del XIX secolo, il filosofo moravo stava concependo uno dei pilastri fondamentali dell’intera dottrina fenomenologica e, verrebbe da dire, dell’intera storia della filosofia novecentesca: quello relativo alla qualità intenzionale della coscienza. In accordo con quanto già ipotizzato dal suo maestro Franz Brentano, Husserl affermò che ogni processo cognitivo interno alla coscienza umana è sempre diretto verso un oggetto, ha sempre l’intenzione di rivolgersi a qualcosa di diverso da sé. In altri termini, non esiste nessuna percezione o...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.