closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

La lunga storia della Sala Verde, dove il premier condurrà le danze

Palazzo Chigi. Dall'accordo del costo del lavoro del 1992 alla riforma Fornero. Oggi, più che un tavolo di concertazione sarà il primo round di una lunga battaglia tra il premier e la Cgil

La Sala Verde di Palazzo Chigi

La Sala Verde di Palazzo Chigi

Gli inservienti di palazzo Chigi avranno di certo trovato parecchia polvere. La sala Verde che riapre questa mattina  per l’atteso incontro governo sindacati e poi governo imprese è chiusa da quasi due anni. Esattamente dal 21 novembre 2012 quando Mario Monti fece sottoscrivere a Cisl, Uil, Confindustria, Reteimprese e Cooperative (guidate al tempo da Giuliano Poletti) l’accordo sulla produttività. Susanna Camusso e la Cgil non firmarono, ma l’accordo separato ebbe poca fortuna e rimase sostanzialmente lettera morta. Enrico Letta nel suo breve governo non ebbe il tempo per apparecchiare la tavola e dunque le pulizie oggi saranno state alquanto complicate....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.