closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La libertà è inquadrare corpi senza testa

Cinema. Adieu au langage di Jean-Luc Godard scompone in 3D i pregiudizi e l'autoritarismo dominante delle immagini. Da oggi a Roma, Milano, Bologna, poi a Firenze e a Torino

Adieu au langage. O Une femme est un femme o Sauve qui peut (la vie). C’è qualcosa di ultimativo e insieme di irriverente nei titoli godardiani, e questo Adieu au langage ancora di più. Addio al linguaggio: ma quale? Parola e immagine danzano sullo schermo nel 3D che ci riporta a una storia: un uomo, una donna, un d’amore. I corpi si intrecciano, si perdono, la donna è tante donne, e tanti nomi, le parole vi si sovrappongono in quella terza dimensione che appare come un terreno di scontro. Eppure ai suoi inizi - lo leggo sulla vecchia edizione de...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.