closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La lettera delle 400 docenti: «Università non penalizzi le donne, hanno pagato il prezzo più alto nella pandemia»

Covid-19. «Chiediamo un intervento non di "protezione" delle docenti universitarie italiane, ma di "riconoscimento" dell’impegno che nella maggior parte dei casi hanno profuso su tanti fronti»

Un'aula dell'università La Sapienza

Un'aula dell'università La Sapienza

All’attenzione della ministra Maria Cristina Messa e della Conferenza delle Rettrici e dei Rettori delle Università Italiane Onorevole Ministra, magnifici Rettori e Rettrici, ci appelliamo a Voi per chiedere l’introduzione di correttivi nelle Abilitazioni Scientifiche Nazionali e nelle procedure di assegnazione degli scatti stipendiali che tutelino le candidate e le docenti donne dalla squalifica per scarsa produttività scientifica o per inferiore impegno didattico e istituzionale nel biennio di emergenza Covid (2020/2021). Nonostante la pandemia abbia messo a dura prova l’intero corpo accademico, i costi che stanno pagando le donne nell’Università, così come nel mondo intero, sono straordinariamente alti. La responsabilità...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.