closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La grande gelata del ’56

A teatro. Una produzione italo tedesca in scena nel cuore senese del Chianti. I vecchi se lo ricordano quell’inverno che bruciò viti e olivi, distrusse i raccolti, uccise gli animali, e gettò sul lastrico decine di famiglie.

Il paese scende in piazza. Si racconta. A San Gusmé, cuore senese del Chianti, i vecchi se lo ricordano quell’inverno del 1956 che bruciò viti e olivi, distrusse i raccolti, uccise gli animali, e gettò sul lastrico decine di famiglie. Che fare? Le miniere del Belgio restituivano carbone in cambio di braccia, le fabbriche della Germania promettevano salari in cambio di manodopera. Sudore e lacrime. Il futuro era lì. E in molti andarono a cercarlo. Erano «e/migranti», li chiamavano «lavoratori ospiti». Ipocrisia dell’accoglienza e condizioni di vita, oltre il «normale» sfruttamento di classe, disastrose. La storia di questo esodo ce...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.