closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Mussi: «La crisi del Pd è strutturale. Ora tocca rifare la sinistra»

L’intervista. L’ex dirigente dei Ds e di Sel: i dem sono sempre stati un trust di comitati elettorali, senza visione

Fabio Mussi

Fabio Mussi

«Compagni dove andate?», gridava Fabio Mussi dal palco dell’ultimo congresso dei Ds nel 2007. Denunciava allora che la strada del Pd avrebbe portato la sinistra «a perdersi» in un contenitore composto da una «rete di correnti iperpersonalizzate». Insomma, il Pd di oggi? È il sistema, bellezza. Quello che accade da anni nel Pd non dipende dalla cattiveria dei singoli, ma da un sistem,a che determina i comportamenti. Nel Pci c’erano correnti clandestine su piattaforme pubbliche, Ingrao e Amendola, nel Pd invece correnti pubbliche su piattaforme clandestine. Non ci sono progetti diversi, idee di società che si confrontano, il partito è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi