closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La Cdp promette investimenti. Rialzando le tariffe?

Autostrade. La firma del contratto è stata definita dai media mainstream un fatto “storico” perché dopo 22 anni di privatizzazione la gestione delle autostrade torna in mani pubbliche, ed anche un segnale della determinazione dello Stato, che, a quasi tre anni dal crollo del Ponte Morandi a Genova, ha regolato i conti con la famiglia Benetton

“L’unica parte della cosiddetta ricchezza nazionale che entra realmente in possesso della collettività dei paesi moderni è il debito pubblico” diceva un barbuto filosofo che qualcosa del capitalismo aveva studiato. Nonostante, l'assioma sia di oltre un secolo e mezzo fa, sembra la miglior descrizione dell'avvenuto “ritorno di Autostrade nelle mani dello Stato”, così come sbandierato da giornali e forze politiche, neanche fossimo di fronte ad un'inversione di rotta senza precedenti. Della storia della privatizzazione delle autostrade in Italia, trasformate da bene pubblico in bancomat per la famiglia Benetton, avevo già scritto , prefigurandone l'esito. Ora il dado è tratto: un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.