closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La camera apre il «caso Galan». Enrico Letta: non mi farò infangare

Il Mose di Venezia

Il Mose di Venezia

In 18 faldoni e 160 mila pagine la Procura della Repubblica ha motivato la richiesta di arresto di Giancarlo Galan, ex governatore del Veneto ed ex ministro. Ieri la giunta per le autorizzazioni della Camera (presieduta da Ignazio La Russa con Davide Zoggia fra i segretari) ha aperto la procedura, aggiornandosi a mercoledì per l’esame dei documenti e l’audizione di Galan. L’organismo di Montecitorio ha un mese di tempo prima di decidere. Si ipotizza, quindi, il voto in aula entro l’estate. Venezia assiste impietrita al carnevale delle istituzioni, affogate nel guano prodotto dai 5 miliardi del Mose monopolizzati dal Consorzio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.