closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La bella, il poeta, il villano e le magie di un bimbo capriccioso

Musica. Al Teatro della Scala, fino al 6 giugno, le due sole opere liriche di Maurice Ravel, «L'Heure espagnole» e «L'Enfant et les sortilèges»

In questi giorni al Teatro alla Scala di Milano (repliche fino al 6 giugno) sono in scena i due soli cimenti lirici di Maurice Ravel, due gioielli della musica novecentesca: l’opera in un atto L’Heure espagnole (1904) e la fantasia lirica in due parti L’Enfant et les sortilèges (1924). La produzione è quella allo stesso tempo descrittiva, ingegnosa e squisita del Glyndebourne Festival, con regia e costumi di Laurent Pelly, scene di Caroline Ginet, Florence Evrard e Barbara de Limburg, luci di Joël Adam. La direzione è quella precisa e briosa di Marc Minkowski. Nel cast di cantanti-attori, tutti prodighi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.