closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La battaglia per l’Iraq si gioca a casa di Saddam

Iraq. A Baghdad non bastano i droni Usa sopra la capitale. Arabia saudita e Stati uniti puntano sulle opposizioni siriane. Il Kurdistan: «Resteremo a Kirkuk»

Esercitazioni di volontari sciiti

Esercitazioni di volontari sciiti

Tikrit campo di battaglia: la città natale di Saddam Hussein è epicentro degli scontri tra Stato Islamico dell’Iraq e del Levante e esercito governativo. Vuoi per i simboli che rappresenta, vuoi per la presenza ancora radicata di milizie fedeli all’ex rais e per la sua posizione strategica. Nella provincia di Salah-a-Din, caduta nella prima settimana di offensiva nelle mani islamiste, Tikrit è metà strada tra Mosul e Baghdad, a pochi chilometri dalla raffineria di Baiji. Ieri Baghdad ha avviato un’ampia operazione militare per riconquistare la città: fulcro della battaglia è la sede dell’università che l’Isil tenta di trasformare nel proprio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi