closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La bandiera dell’Iraq sventola sulla sede del governo

Fallujah. Ripreso il simbolo delle istituzioni, Isis in ritirata. L'esercito promette: la città libera in 2-3 giorni. Ma si moltiplicano le denunce di violenze sui civili sunniti da parte delle milizie sciite

Il comandante delle operazioni militari di Baghdad con gli ufficiali impegnati a Fallujah

Il comandante delle operazioni militari di Baghdad con gli ufficiali impegnati a Fallujah

a bandiera irachena sventola sul quartier generale del governo a Fallujah: ieri, dopo quattro settimane di controffensiva, le truppe di élite del governo di Baghdad hanno ripreso il simbolo delle istituzioni nella città sotto assedio. La resistenza islamista, dicono fonti sul posto, è stata minima perché «i leader se ne sono andati e quelli rimasti a difendere la città non sono i loro migliori uomini». L'Isis è consapevole di aver perso Fallujah dopo due anni e mezzo di occupazione. La caduta della città delle moschee e dei minareti, la seconda della provincia sunnita di Anbar, è vicina: «Le forze irachene...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.