closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

King Gizzard and the Lizard Wizard, psichedelici ma non troppo

Note sparse. Con «Butterfly 3000» torna la band australiana

King Gizzard and the Lizard Wizard

King Gizzard and the Lizard Wizard

Tra gli esercizi di ermeneutica più complessi che si possano compiere oggi in ambito musicale, di critica musicale, c’è quello di definire l’esperienza – perché di esperienza si tratta, intessuta com’è di tutto un immaginario postmoderno, tra cinema, narrazioni, decostruzioni musicali – dei King Gizzard and the Lizard Wizard; ma anche solo di prevedere, da ascoltatore fremente che s’appresta ad ascoltarne l’ultimo album, il tipo di filigrana, di approccio alla base di ogni loro nuovo disco. C’è un’irrequietezza di fondo alle origini stesse del gruppo australiano, all’inizio degli anni dieci, che sabota ogni sintesi, ogni classificazione, e una frenesia nell’esprimersi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.